Ipotesi di un percorso didattico scuola primaria/ scuola media

 

Risultati attesi:eliminare le preconcezioni errate sulla natura della luce,sul suo modello e sulla sua percezione(non dal punto di vista fisiologico) ed arrivare ad un corretto modello di interpretazione di alcuni fenomeni luminosi .

Obiettivi specifici

 comprendere che:

-   non bisogna confondere la luce con la sorgente che la emette o la riflette;

-   la luce si propaga in linea retta (raggi luminosi);

-   la luce c’è anche se non la vediamo;

-    vediamo la luce solo se colpisce direttamente il nostro occhio;

-    la luce può essere riflessa dagli oggetti;

-    la condizione per cui vediamo è che la luce riflessa dall’oggetto osservato colpisca il nostro occhio;

-   la luce è costituita da colori diversi;

-   il colore degli oggetti dipende dal pigmento che contiene e dalla luce che lo illumina.

 

Domande stimolo:

Cosa è la luce?

C’è luce in una scatola buia?

C’è luce quando noi la vediamo?

C’è luce quando noi vediamo?

 

Raccolta di idee sul senso comune sulla luce e sulla visione.

 

1°Esperienza –scatola buia-(far esplicitare le idee agli allievi e raccoglierle)

2°Esperienza-scatola buia con banderuole riflettenti in maniera diversa  e assorbenti-(controllo sperimentale sulle preconcezioni e esplicitazioni)

Prime conclusioni:

l’occhio è in grado di vedere la luce solo se è colpito da essa

la luce c’è anche se non la vediamo

la luce c’è anche se noi non vediamo

La luce si propaga in modo rettilineo

 

3°Esperienza-luce con polvere di gesso

Conclusioni

Vediamo la luce se interagisce con un “sostegno

La luce si propaga in modo rettilineo(conferma)

 

4°Esperienza  -fare un modello di raggi di una sorgente vicina, con le braccia degli allievi

5°Esperienza  -ripetere l’esperienza con il sole

Conclusioni:modello a raggi

 

6°Esperienza –luce raccolta su uno schermo riflessa da  cartoncini di diverso materiale(controllo sperimentale dell’esperienza 2°)

Specchio, cartoncino bianco, cartoncino nero, pellicola di alluminio liscia e stropicciata, vetro trasparente, vetro translucido

Conclusioni:

alcuni corpi riflettono altri diffondono altri assorbono a luce altri sono trasparenti parzialmente o totalmente ad essa.

Far notare che lo specchio si comporta in modo particolare e permette di capire i meccanismo della visione

 

7°Esperienza-raggio che attraversa un corpo trasparente con diverse inclinazioni sulla superficie-(deviazione o rifrazione)- scomposizione della luce

Conclusioni:

La luce è formata di diversi colori e ognuno viene rifratto in modo diverso

 

8°Esperienza-ricomposizione della luce con un altro prisma e con il disco di Newton

Il comportamento della scomposizione  della luce è reversibile(conferma della composizione della luce bianca)

Conclusioni:

modello della luce –lunghezza d’onda come distanza tra due massimi dell’onda della lue monocromatica)

 

9°Esperienza-tre luci colorate:Rossa,verde,blu

Domanda stimolo

Di quante luci ho bisogno per fare luce bianca?

Conclusioni:

 i colori fondamentali per la luce sono tre.

 

10°Esperienza-casetta colorata con lavagna luminosa

11°Esperienza-scatola dei colori(o illuminazione degli oggetti di diversi colori con luci colorate)

Domanda stimolo:

di che colore è questo oggetto?

Conclusioni:

il colore di un oggetto dipende dal pigmento che contiene e dalla luce che lo illumina

 

LUCE, COLORE, VISIONE

 

                                                                                                Ins.te  tutor

                                                                                                Marisa.Neri